Questo corso è articolato in due moduli da 3 crediti ciascuno, di cui 1 CFU di lezioni frontali (8 ore suddivise in 4 lezioni di 2 ore l'una) e 2 CFU di attività pratiche di laboratorio (24 ore suddivise in 12 lezioni di 2 ore l'una) che si svolgeranno presso la banca del germoplasma, in Orto Botanico e in campo. Modulo 1. Allo studente verranno fornite nozioni di base sulle risorse fitogenetiche (es. cosa sono, perché sono importanti). Saranno illustrati i più importanti metodi di conservazione delle piante e in quest'ambito verranno approfondite alcune tematiche, tra cui la conservazione ex situ a lungo termine. Costituiranno parte integrante del corso, attività teoriche e pratiche (es. laboratori, attività di campo) riguardanti la scelta delle specie (es. rare, di interesse economico), la pianificazione e i metodi di raccolta, trattamento, stoccaggio ed utilizzo del materiale vegetale. Modulo 2. Lo studente viene inserito nelle attività pratiche di botanica, in relazione a progetti di recupero (es. cave) e riqualificazione ambientale (es. arricchimenti floristici). Saranno illustrati i principali progetti svolti dal DSTA dell'Università di Pavia in ambito regionale e nel N-Italia, con partecipazione diretta a quelli in corso. Sarà data particolare enfasi ai temi della conservazione della biodiversità in ambito agricolo, all'uso sostenibile della flora, ai CWR (Crop Wild Relatives) e alle Landraces (Varietà da Conservazione).